L’arte e la nudità

L’arte e la nudità

Gli artisti Addie Wagenknecht e Pablo Garcia hanno chiesto a delle modelle di sex-cam di posare per imitare dei quadri classici. Ne è venuto fuori un lavoro sorprendente, Webcam Venus, dove la nudità moderna e non sofisticata dei live-shows viene accostata alla nudità dei classici dell’arte.

Le persone che hanno posato sono persone che normalmente si esibiscono sessualmente su Internet. Gli artisti trovavano strano che si potesse camminare tranquillamente in un museo, fra quadri che mostrano uomini e donne nudi nella pittura e nella scultura, senza che questo crei il minimo imbarazzo o disagio, neanche davanti ai bambini. È ipocrita, hanno dunque pensato Wagenknecht e Garcia, dire che c’è una forma di nudità ‘classica’ e ‘accettabile’ quando le altre rappresentazioni di scene di nudo sono considerate volgari.
Gli artisti ritengono che vi sia una legittimazione istituzionale ben consolidata del potere politico attraverso le rappresentazioni tradizionali (di donne nude) nei canoni dell’arte occidentale. Le Belle Arti hanno istituzionalizzato le relazioni di potere tra i sessi, dove l’uomo è sempre nella posizione del pittore e la donna nella posizione dell’oggetto. Stabilire una relazione tra questi modelli di sex cams e le opere d’arte non è un esercizio di copiatura, ma un lavoro sulla mediazione dell’oggetto stesso (la nudità) attraverso i secoli e i media oggi a disposizione degli artisti.

Non si tratta dunque, nelle intenzioni, di un confronto tra arte ‘alta’ e ‘bassa’, ma fra erotismo classico ed erotismo attuale. Come è scritto nella presentazione del loro lavoro, si cerca di celebrare le forme contemporanee della bellezza attraverso queste immagini.

I modelli utilizzati sono stati in gran parte felici di questa esperienza strana e divertente, così diversa dal solito. Del lavoro ve ne sono due versioni, una censurata e un’altra non censurata, perché secondo gli artisti, anche nel nostro mondo ‘libero e aperto’, ci sono ancora ipocrisia e doppi standard, quando si tratta di nudità. Ad esempio Facebook elimina tutte le forme di nudità, anche quelle dell’arte classica. Per questo, se per non disturbare la sensibilità delle persone che non amano la nudità vanno censurate le parte dei modelli della web-cam, per coerenza vanno cancellate anche le nudità delle opere d’arte classiche.

O si pensa che la nudità è arte, o si deve pensare che i musei sono pieni di opere pornografiche, concludono provocatoriamente gli artisti.

Webcam Venus è un’opera concepita e sviluppata per F.A.T Lab di Addie Wagenknecht e Pablo Garcia. Webcam Venus verrà mostrata per intero al FAT GOLD nel periodo 1-13 aprile 2013 presso Eyebeam NYC.
Giuliana Proietti
Fonte:
«Nous célébrons les formes contemporaines de la beauté», Liberation

About author

Dr. Giuliana Proietti

PRINCIPALI ATTIVITA’ ● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona) ● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it ● Saggista e Blogger ● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale ● Conduzione seminari di sviluppo personale ● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici ● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale) ● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e dell’attività ad essa collegata, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali. Per appuntamenti e richiesta di collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona

Related Articles

Comments

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Current day month ye@r *