Siti di incontri per disabili

Le persone disabili o che soffrono di una malattia cronica, difficilmente riescono a trovare un partner: un po’ perché la malattia in genere non viene facilmente accettata, un po’ perché non si sa mai se dirlo subito, all’inizio della storia, oppure quando la storia si è consolidata… Diverso sarebbe se si potesse trovare un partner con il/la quale parlare sin da subito dei propri problemi di salute, perché si condivide la stessa situazione.

Dating 4 Disabled.In lingua inglese esistono molti siti, specializzati nella ricerca del partner con “diversa abilità”:  Iscrivendosi è possibile venire in contatto con persone che cercano un partner, ma che hanno problemi di salute, quali ad esempio H.I.V., paralisi, morbo di Parkinson e sclerosi multipla. Il sito ha già 12.000 membri ed è già riuscito a creare unioni stabili e matrimoni.

NoLongerLonely, per adulti con problemi di malattie mentali,

POZ Personals, per persone positive all’HIV,

Prescription4Love, con comunità di utenti che soffrono di malattie sessualmente trasmesse e  disabilità fisiche.

Fonte: New York Times

p.s. Ho cercato corrispondenti siti in lingua italiana, ma non ne ho trovati. Se qualche lettore ne avesse notizia, lo pregherei di aggiungere il relativo indirizzo web nei commenti. Grazie.

Dr. Giuliana Proietti

Immagine: Ernst Ludwig Kirchner (1880 – 1938) Wikimedia

Dr. Giuliana Proietti

Psicoterapeuta-Sessuologa at Ellepi Associati Ancona
PRINCIPALI ATTIVITA’

● Psicologa-psicoterapeuta (attività libero-professionale in Ancona)

● Responsabile scientifico del sito www.psicolinea.it

● Saggista e Blogger

● Collaborazioni professionali ed elaborazione di test per quotidiani e periodici a diffusione nazionale

● Conduzione seminari di sviluppo personale

● Attività di formazione ed alta formazione presso Enti privati e pubblici

● Esperienza in psicologia del lavoro (Orientamento e Selezione del Personale)

● Co-fondatrice del sito Clinica della Timidezza e dell’attività ad essa collegata, sul trattamento dell’ansia, della timidezza e delle fobie sociali.

Per appuntamenti e richiesta di collaborazioni: 347 – 0375949 Ancona

You may also like...

Comments

25 Responses

  1. Antonio scrive:

    Io penso che sia una cosa normale per sentire stimoli
    sessuali per noi disabili io sono Antonio di omissis di anni 35 anni essendo ancora vergine non avendo mai fatto sesso , io cerco una ragazza umile buona educata che mi possa apprezzarmi per come io sono
    per i miei piccolissimi handicap per info chiamate : omissis .Grazie

  2. Andrea scrive:

    Ciao, sono Andrea,ho 35 anni e dall’età di 15 soffro di una grave ipocusia bilaterale irreversibile, e in poche parole sono sordo. Chiariamo subito che non ho nessun tipo di problema nella comunicazione con le altre persone e mia arrangio anche tramite la lettura labiale … Purtroppo, sto’ uscendo da una relazione di 13 anni dei quali 6 di matrimonio con una persona udente e ahimè, sono distrutto dentro… ho il terrore di non riuscire a ricostruirmi una vita e in un certo senso sto’ cadendo nella depressione più assoluta. Abito a … e sono in cerca anche di nuove amicizie, magari con il mio stesso problema per poter parlarci e chissà …..
    ………………………..
    Abbiamo dovuto cancellare l’indirizzo perché come abbiamo già detto, questo non è un sito di incontri. Ce ne sono molti su Internet, perché non rivolgersi a loro?

  3. giulio scrive:

    ciao io sono giulio ho 45 anni e sono invalido ho lo stesso problema di lorena cerco una simile a me x amicizia rispettarci e poi chissa’ lorena se vuoi contattarmi fallo pure ho guardato su fb ma di cucciola coccolona ce ne’ piu’ di una e non so quale 6 tu cmq chiunque interessa far amicizia con me mi scrivi a ….

    Ci spiace molto, ma questo NON è un sito di incontri. Siamo costretti a cancellare i vostri indirizzi.

  4. Feausti scrive:

    Ciao leggemdo trovo tristezza, troppe disumanità sui disabili mi aspetto di tutto

  5. Benedetto scrive:

    Ciao io sono un ragazzo con una emiparesi ostetrica all'arto superiore destro..personalmente amo ridere, scherzare e se riesco far divertire tutti quanti..ho 21 anni e studio economia. è da molto tempo che sto cercando una donna che sappia amare e voglia essere amata, che non si preoccupi delle apparenze ma che guardi al cuore, all'amore!
    Mi piacerrebbe parlarti. BACI!

    Scrivi ad alben68@gmail.com

  6. antonino scrive:

    ciao sn unragazzo di palermo disabile(probabile atassia) e o 24 anni,sto cercando una xrsona seria con il cuore,perchè alla fine sono diffitato ma o dei sentimeti,emozioni,paure,tenerezza,dolcezza ma sopratutto cuore,e tutto ciò nn riesco a condividere con una xrsona.alla fine nn so se esiste o che mi accetti per quello ke sn.cmq se volete consigliarmi o dei suggerimenti x vivere meglio lascio la mia email antonino.amato92@email.it

  7. Luigi scrive:

    Salve a tutti, un abbraccio forte e una parola sempre a disposizione!Sono un ragazzo trentenne della prvincia di bari, per chi volesse contattarmi per dialogare mi puo' trovare su facebook cercando Luigi Muggeo !

  8. Anonymous scrive:

    Portatemi Dio!!!!…cazzo!!!..Lo voglio vedere!!!

  9. Lorena scrive:

    Ciao sono un'Invalida Civile senza nessuna amicizia perchè la gente pretende solo la PERFEZIONE e quidi da moltissimi anni mi fanno sentire solo un rottame da buttare anche se il mio carattere è molto socievole e nascondo il miei dispiaceri sempre con un sorriso sapendo di non essere compresa se racontassi il mio Handicapp ciò l'ho imparato dalle persone che mi hanno sempre respinta. Desidererei poter fare amicizia in questo sito, ne avrei la speranza, per poter condividere tutto di me ed ascoltare chi si vorrà aprire con me. Chi sa dirmi se iscrivendomi a tale Sito è a pagamento? Un abbraccio a che mi vorrà comprendere e…scrivere. Ciaoooo da Lorena ed in Facebook "Cucciola Coccolona".

    • Ezio scrive:

      mandami una mail se posso ti vengo a trovare se non sei troppo lontana da me io sai cerco da tempo una donna come te per fare certe cose poi vedi tu il mio in mail è …………… e non buttarti giù ma forse sono gretto non so mandami una mail così parliamo

  10. Stella scrive:

    Sono la mamma di Claudio, un ragazzo di venti anni affetto da sindrome di Asperger, una forma raffinata dell'autismo. Molte volte ci siamo trovati a parlare io e lui proprio di questo problema. Claudio ha fatto davvero grandissimi progressi e la qualità della sua vita è molto migliorata, è molto autonomo e la sua disabilità è diventata molto leggera… eppure… vivere una esperienza affettiva e anche sessuale sembra davvero impossibile per lui… a volte lo prende la disperazione, a volte la rabbia, spesso e stato vittima di bullismo e sempre è stato umiliato da coetanee che non solo gli hanno preferito ragazzi più brillanti e spavaldi ma che gli hanno gratuitamente dato dello sfigato senza mezzi termini. Spesso l'ho visto piangere stringendo i pugni e vi assicuro che il cuore va in frantumi. Un anno fa circa sono riuscita a trovare una ragazza… molto dolce e sensibile, che trovandosi in cattive acque aveva deciso di fare sesso a pagamento per disabili…stringeva con loro belle amicizie stando molto attenta a non creare in loro false illusioni… ebbene… l'ho contattata, incontrata, ho proposto la cosa a Claudio spiegando che non eventualmente non avrebbe dovuto considerarla una fidanzata ma solo un'amica un pò speciale… si sono conosciuti… e Claudio, felice, ha avuto la sua prima vera esperienza sessuale. Si sono sentiti per un pò ma poi lei ha avuto un lutto ed è entrata in depressione isolandosi, chiudendosi a riccio. Ebbene, la mia testimonianza è per esprimere il mio pensiero: i nostri ragazzi disabili hanno le stesse pulsioni, desideri e speranze di tutti noi e la nostra società dovrebbe porre più attenzione a queste problematiche… bisognerebbe aiutare… preparare…formare persone che sappiano comunque affrontare tutti questi aspetti affinchè anche la vita di un disabile non sia mai una mezza vita. Claudio vorrebbe rivivere l'esperienza ma io non so a chi rivolgermi… vorrebbe amici e amiche con cui interagire ma anche qui non lo so aiutare… Potete darmi dei suggerimenti? O magari, c'è qualcuno che vuole mettersi in contatto con lui anche solo come interlocutore o interlocutrice?… grazie a chi mi risponderà. Un abbraccio

  11. Accursio scrive:

    Ciao mi chiamo Accursio e sono un giovane 28 enne. Leggendo i commenti qui sopra che trovo molto interessanti per il semplice motivo che avendo una mamma disabile, comprendo più facilmente come sia difficile vivere da disabile in un posto incivile come l'italia. Per il resto vorrei rispondere a Luciana dicendo che è difficile trovare l'amore per un/a disabile, ma anche per un non disabile. Quello che hai scritto sul fatto che voi disabili fate scappare gli amori non lo condivido, perchè ne ho la prova di due splendidi genitori che è da più di trent'anni che si amano ed tutt'ora mantengono questo amore, pur mia madre essendo diversamente abile.Beh credimi ho avuto un esperienza d'amore con una persona non disabile e mi ha fatto scappare. Io penso che tutto dipenda dalla compatibilità di due individui, a prescindere dal fatto che abbiano qualche differenza fisica, credo che quando due cuori si avvicinano le disabilità si allontanino.Cè sempre da imparare da l'uno e dell'altro, credo che ci possa essere più attrazione tra due individui diversi che tra due individui uguali, non a caso poli opposti si attraggono. Spesso mi arrabbio con quella gente che essendo in salute cercano qualcosa di autodistruttivo, quando poi ci sta gente che lotta ogni santo giorno per vivere un'altro giorno in più, questo è il frutto della mente umana purtroppo.Forse sarò troppo ottimista ma io credo e spero sempre nel meglio, perchè affossarsi al peggio ti può soltanto scoraggiare, la vita si apprezza per quello che è, e va vissuta con tutti i problemi che ti dà, ma non per questo possiamo essere impediti di sognare, e a volte i sogni si realizzano, basta soltanto crederci.

    • manuela.daquino@libero.it scrive:

      AHai scritto delle parole bellissime.sono poche le persone sensibili oggi.io nn sono disabile,anzi nn credo di avere nulla che nn va ma nn esistono piu persone vere,sincere e con un cuore buono.solo tante bugie e tanto schifo.baci.manu

  12. Dr. G. Proietti scrive:

    Macché intrusione Luciana, lei è la benvenuta!Siamo felicissimi di averla fra i nostri lettori… Veramente.A presto dunque, per qualche nuovo incontro online.Ciao!p.s. Mai perdere la speranza, che è il motore di ogni vita.

  13. Luciana scrive:

    Ciao, sono una ragazza di Roma e sono disabile. Ho letto tutti i commenti che sono stati scritti da varie persone……..io penso che viviamo in un mondo fatto di paura, di povertà d'animo, egoismo, e queste cose rendono l'uomo incapace di pensare con la proprio testa per poi agire.Per i disabili trovare un amore è difficile, non credo sia impossibile, e se si riesce a trovarlo, dobbiamo essere iin grado di non farlo scappare, anche se a volte siamo noi, disabili, che li facciamo scappare. Questo succede perchè trasformiamo il rapporto d'amore, in un rapporto fatto tra una ragazza/o disabile e assistente. A volte succede che facciamo diventare il nostro lui o lei, un assitente. Alla fine, la persona che vuole stare con noi per amore, si ritrova con un ruolo diverso nella nostra vita, e scappa. Non so se sono riiuscita a farmi capire. Io una storia seria non l'ho mai avuta, solo piccole cose, e credo che non ne avrò mai, per la mia disabilità. A volte perdo le speranze, a volte no e vado avanti. Scusate per l'intrusione. Ciao!

    • Ferruccio scrive:

      non è vero che l’altro necessariamente DEVE scappare. Se è vero amore non scappera’..Ed è logico che la persona “normodotata”, nel suo amore, deve considerare cmq l’aiuto che deve dare..Un Abbraccio, ciao!!

      • loretta scrive:

        “(…)Io una storia seria non l’ho mai avuta, solo piccole cose, e credo che non ne avrò mai, per la mia disabilità(…)”
        scusa, non riesco a comprendere l’alone pessimista che manifesti… ne vogliamo parlare? ciao

  14. Davide scrive:

    Ciao Fabio, vorrei incontrarti per fare una chiacchierata.Davide.

  15. Roberto PN scrive:

    Ciao a tutti.Sono un giovane, ex-giovane :) di 36 anni, con una malformazione al viso… Purtroppo in grado di comprendere, di ragionare, di pensare e vivere.Ho un ottimo lavoro, un ottimo hobby…la musica, tanti amici, una casa mia… eppure, a causa della mia faccia… MAI e poi MAI avro' una fidanzata…. Tutte mi cercano come amico, come confidente, per aiuti etc… ma mai nessuna m'ha voluto come fidanzato…poichè ho una faccia che, se non mi ha mai bloccato nel lavoro e nella musica, comunque mi sta bloccando in amore… Io vorrei creare una famiglia…ma non vengo accettato come partner…E' dura, veramente dura….Avete dei siti dove posso cercar di trovare un anima gemella alla quale io possa piacere e con la quale formare una famiglia ed avere "SERENAMENTE" dei figli?Grazie,Roberto

  16. Fabio scrive:

    Salve , ho 30 anni e sono un normalissimo ragazzo di Milano.Ho un mio lavoro che mi rende indipendente ; sto benone di salute , ma da circa 2 anni ho l'Hiv. Per il momento non ho iniziato nessuna cura , vengo monitorato ogni 3 mesi , e so' che prima o poi dovro' iniziare aprendere farcici antiretrovirali. Non mi manca quasi niente o tutto… Mi sento Solo!! da quella data circa non ho più avuto una Compagna/morosa col quale stare, solo qualche avventura… cercavo siti e7o community nel quale conoscere donne col mio stesso problema , per trovare una persona col quale stare.. se ne conoscete, mi farebbe piacere saperlo ; o anche gruppi in cui si incontrano persone (riunioni , centri ecc. per malati di hiv.). Posso far tutto come una persona normalissima, però non me la sento di "imbrogliare" gli altri mentendogli , e quindi son Solo!!. Vorrei Una ragazza/donna col quale esser felice. Grazie . Ciao Fabio

  17. gigi1100 scrive:

    incontridisabili.comwww.incontridisabili.comtutto in italiano con decine di migliaia di iscritti.

  18. Cosmopolitan scrive:

    Penso che sia dura per un disabile trovare normalmente un partner nella vita di tutti i giorni, non solo per i pregiudizi ma anche per le limitate possibilità di incontrare altre persone: quindi perché questi siti fatti apposta per facilitare l'incontro darebbero un tristezza? anzi sono una gran cosa, perché ampliano il ventaglio delle possibilità di in disabile di trovare una persona senza troppo disagio.Stessa cosa la vedo positivamente per una persona con HIV, penso sia più facile tra due persone che hanno gli stessi problemi capirsi; anche perché sinceramente io farei veramente fatica ad affrontare una relazione con una persona affetta da HIV o altri malattie trasmissibili, l'amore è vero che dicono che aiuti a superare le difficoltà, ma un conto è quando queste sorgono dopo l'inizio di una storia, un conto è quanto queste sono già presenti prima.

  19. Dr. G. Proietti scrive:

    Gentilissima Elena,Sono d'accordo con lei: l'amore deve sbocciare in modo naturale e fra persone che si piacciono, a prescindere da limiti di età, di razza, di condizione fisica e sociale (ed anche di genere sessuale, aggiungerei).Detto questo: se una persona è sola, e cerca l'amore, e ci sono luoghi, reali e virtuali, dove questo amore lo può realmente incontrare, perché dobbiamo impedirglielo? Perché dobbiamo uccidere la speranza? Con quale diritto?

  20. Elena Brescacin scrive:

    Che tristezzaQuesto è l'unico modo che ho di sintetizzare in 2 parole ciò che provo a leggere della presenza di questi sitiIo sono una persona con disabilità (non vedente) e lavoro nell'ambiente Internet, e ho il ragazzo che "non ha problemi"Quella di esser disabili (o con una malattia) e pensare che l'unico modo di trovare qualcuno che ci ama E CHE CI ACCETTA sia quello di avere uno nella stessa condizione, è una falsa illusione, esattamente come quella di pensare che internet ci risolva i problemi della vita.Anzi, spesso e volentieri succede che 2 persone "con lo stesso problema" anziché risolverseli, i guai, li raddoppiano; è un concetto difficile da spiegare, ma incentivare questi siti web qui, significa isolare noi disabili ancora di più. Mi si spieghi perché un cieco, un sordo, un sieropositivo, un paraplegico… non può, se proprio vuol usar internet per "cercare compagnia", usare uno delle migliaia di siti di incontri che esistono in giro? Certo, per un cieco spesso e volentieri è difficile entrare nei siti dove c'è bisogno di registrazione(e non sto parlando di siti di incontri e basta, perché a me quei siti non interessano), per motivi tecnici: i box visuali anti-spam, quelli che chiedono di copiare il testo riportato su una immagine…sprovvisti di alternative audio per cui un cieco è come entrasse in un negozio e gli fosse precluso di entrare perché non vede.Fermiamoci un attimo a pensarci: perché i siti di incontri hanno così tanto successo, e fanno così tanto business?Perché le persone, al giorno d'oggi, vorrebbero sempre più il "tutto e subito". Far la spesa, andare in banca, guardare il giornale o la posta… senza alzare il culo dalla sedia e questo è ben possibile, con Internet. E questo ha risolto problemi rilevanti a persone disabili e anche no.Però, al di là di tutto, c'è sempre meno disponibilità da parte di tutti, a condividere e fare sacrifici. Per cui ecco che si vorrebbe la fidanzata/o "su misura", con dei requisiti specifici, fisici e non… non c'è + la voglia di scoprire l'altra persona ed accettarla per quello che è, con pregi e difetti, per cui si verifica sempre più una generalizzata solitudine di fondo, che conseguentemente colpisce ancora di più anche le persone con disabilità.Io credo che uno, disabile o no, che metta un annuncio per "cercare amore" nei siti di incontri, in realtà dell'amore non ha capito assolutamente niente perché l'amore è qualcosa che nasce, si sviluppa, e può pure morire… non è una cosa che bisogna indurre con gli annunci.Il disabile che vuole una persona nella stessa condizione "perché ci si capisce di più", o uno che dice "voglio stare con uno senza disabilità perché stare con un disabile è una tristezza"… è uno che proprio, dei sentimenti, non ha capito niente. Si sbaglia su tutta la linea a porci, nei confronti dell'amore. Posizionandoci in una condizione di voler ricevere, senza pensare che per amare dobbiamo, prima di tutto, saper DARE e chiederci se davvero siamo in grado, noi, di dare.Io parlo anche da persona attiva nella lotta all'HIV e AIDS, mi viene la pelle d'oca pensando a dei sieropositivi che dicano di voler trovare persone nella stessa condizione perché gli facilita la vita; certo è un ragionamento umano, nel senso che lo stigma nei confronti dell'HIV è ancora molto forte, però non si pensa per esempio al problema della sovrainfezione cioè se uno ha rapporti scoperti "con la scusa" di esser sieropositivi tutt'e due, può mandare in fumo anni di terapie di uno o l'altro partner, si possono appunto raddoppiare i problemi.Uno, prima di pensare solo alla PROPRIA solitudine, dovrebbe anche chiedersi se vale la pena _svendersi_ in un annuncio sul web

    • Ferruccio scrive:

      svendersi, hai detto bene. Ma non DEVE essere cosi. La disabilità, se non è da portare con orgoglio, deve pero’ essere un punto a favore per trovare nell’altro ancora piu amore e consapevolezza nel dover aiutare il o la compagna. Ciao!!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Current ye@r *